Paziente uno, indagato e archiviato per epidemia colposa

Paziente uno, indagato e archiviato per epidemia colposa

Mattia Maestri, il cosiddetto paziente uno, cioè il primo a cui fu diagnosticato il Coronavirus in Italia, è stato indagato per epidemia colposa dalla Procura di Lodi. Nei giorni scorsi, dopo la richiesta della stessa Procura, il gip ha archiviato l’accusa.

L’inizio delle indagini risale a un anno e mezzo fa. Il sospetto era che Maestri non fosse stato subito sincero con i medici dell’ospedale di Codogno, parlando dei suoi contatti. A fine indagini, comunque, non sono stati ravvisati reati. E’ stato riconosciuto che Maestri non risulta aver violato violato nessuna norma: da qui l’archiviazione.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *