Omicidio padre violento: chiesti 14 anni per il figlio

Omicidio padre violento: chiesti 14 anni per il figlio

Il magistrato si è detto “costretto” a proporre una pena così elevata e ha invitato la Corte di Assise di sollevare una questione di legittimità costituzionale sulla norma che impedisce di concedere la prevalenza delle numerose attenuanti. L’omicidio fu commesso a Collegno (Torino) il 30 aprile 2020.

Giuseppe Pompa di 52 anni, vittima dell’omicidio viene descritto come una persona ossessiva, aggressiva, molesta e problematica.

La moglie, Maria Caiola, ha detto in aula che nelle ore precedenti all’omicidio era stata chiamata “101 volte” da lui per questioni di gelosia, aggiungendo che nel corso dei mesi lei e i figli registravano le sue continue sfuriate “perché pensavamo che ci avrebbe ammazzato”. Alex, il figlio che lo stesso pm ha definito “un bravo ragazzo, serio e studioso”, il 30 aprile 2020 intervenne nella lite e diede al padre 34 fendenti con 6 coltelli diversi. 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *