26 concerti in ateneo la Sapienza di Roma

26 concerti in ateneo la Sapienza di Roma

Da gennaio a maggio sono in programma 26 appuntamenti con interpreti d’eccezione e proposte musicali che spaziano dalla polifonia rinascimentale di Gesualdo ai capolavori di Haydn, Mozart, Schubert, Brahms, Schumann, Franck, Šostakovič. Cicli dedicati a Rachmaninov, Ravel, Skrjabin, Schönberg, Schubert affidati a specialisti come Alexander Romanovsky, Roberto Cominati, il Gringolts Quartet, il Quartetto di Cremona e Mariangela Vacatello. Per la contemporanea, prima italiana per “La Passione secondo San Marco” del polacco Paweł Mykietyn.

Spazio alla nuova generazione con il violinista Giuseppe Gibboni vincitore del Premio Paganini, i talenti dell’Avos Project e i jazzisti vincitori del Premio Lelio Luttazzi.

Ad aprire, il 18 gennaio, sarà il quartetto di Cremona, che dopo i cicli degli anni scorsi su Beethoven e Mozart, che proporrà un nuovo percorso dedicato a Schubert. In chiusura, il 14 maggio, tornano l’Orchestra da Camera Canova e il direttore Enrico Saverio Pagano, artisti in residence IUC che hanno inaugurato la stagione lo scorso settembre, per una serata Mozart con il clarinettista Tommaso Lonquich.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.